Venerdì, 06 Dicembre, 2019
Ulti Clocks content

La chat

Nessun utente online

Galleria Fotografica

 

 
You are here : Home Articoli

"I Grandi Ideali Rendono Liberi. - Mario Bovenzi -"

 

UNITA' D' ITALIA, salviamo il 150°
Scritto da IL MERIDIONALISTA, 15-09-2009 20:43
Valuazione editore
Valuazione utenti    (0 voto)

 
 Non avrei mai pensato che il 150° dell’Unità nazionale potesse finire, nel nostro Paese, al centro di polemiche e politiche tanto sconcertanti. Nel 1911, il Cinquantesimo dell’indipendenza fu salutato da esposizioni memorabili che culminarono a Roma nella consacrazione del Vittoriano.

Nel 1961, l’Italia del boom, allora in piena espansione economica, dopo le Olimpiadi di Roma confermava i valori fondanti della coesistenza unitaria, ponendo la lingua italiana e la formazione dei giovani al centro del riscatto di tante famiglie appena uscite dalla miseria.

E oggi? Dovremmo tornare ai dialetti, ai vessilli regionali, alla celebrazione dei Borbone o degli Asburgo? E da questa negazione del vincolo unitario che cosa dovremmo aspettarci? Pare lontano un nuovo Rinascimento, o un nuovo Medioevo comunale.

Credo che una classe dirigente complessivamente incapace di dar vita ad un autentico programma pedagogico di educazione nazionale, in grado di restituire dignità ed orgoglio a noi tutti ed a nostri figli, possa difficilmente dar prova di quella capacità di visione, d’immaginazione creativa, di cui l’Italia ha una disperata necessità per uscire dal cono d’ombra di un declino annunciato e apparentemente ineluttabile.
 
Abbiamo bisogno di futuro, come le donne e gli uomini del Risorgimento. Il 150° dell’Unità a questo deve servire: non alla facile retorica o a celebrazioni dal sapore un po’ stantio, ma alla riflessione comune per progettare quello che dovremo essere. Tutti insieme. 











PDF