Giovedì, 17 Ottobre, 2019
Ulti Clocks content

La chat

Nessun utente online

Galleria Fotografica

 

 
You are here : Home Articoli

"I Grandi Ideali Rendono Liberi. - Mario Bovenzi -"

 

MARINA SALVADORE: Cuono Gaglione, 50 anni di carriera artistica del pittore-brigante
Scritto da MARINA SALVADORE, 18-11-2009 12:36
Valuazione editore
Valuazione utenti    (0 voto)
 

Il Museo di Pulcinella, la Città di Acerra, la Provincia di Napoli
in collaborazione con “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore e V.I.P. edizioni Napoli
celebreranno i primi 50 anni di carriera artistica del pittore meridionalista Cuono GAGLIONE
con l’inaugurazione della sua mostra personale tematica dedicata al Pulcinella-brigante
lunedì 7 dicembre, alle ore 18,00 presso il Museo di Pulcinella nel Castello Baronale di Acerra.

 
"Il Pulcinella Sognatore"
 

L’apertura della “personale” allestita nelle sale del Museo di Pulcinella sarà preceduta dalla proiezione nella sala del sottostante Museo Contadino del documentario identitario “Napoli Capitale” di Mauro Caiano e dibattito sui temi del meridionalismo tanto cari all’artista, con un breve ricordo dell’altro celebre acerrano Angelo Manna, bandiera del meridionalismo colto e propositivo.

Parteciperanno al dibattito:

Luigi Rispoli, presidente del Consiglio Provinciale di Napoli, insigne meridionalista

Aniello Montano, illustre critico d’arte che con Angelo Manna incoraggiò l’attività artistica di Gaglione

Marina Salvadore de La Voce di Megaride, libero online meridionalista

Antonio Ciano, storico revisionista, assessore al Comune di Gaeta, ultimo baluardo borbonico
 
Carlo Missaglia, storico e noto interprete della tradizione canora napoletana che offrirà ai presenti una piccola performance dal suo vasto repertorio.

Si esibiranno Fernando Galano e il gruppo "NAPULANTICA"
(La mostra sarà aperta al pubblico fino al 15 dicembre a.c.)



"La Bella"

(di Marina Salvadore)

E' con rinnovata gioia che accompagno per la terza volta in questi ultimi sei anni Cuono Gaglione in una delle sue eccezionali performances ma questa volta - al di la' dei due meravigliosi progetti artistici realizzati assieme in prestigiose location istituzionali nel 2003 - ho l'onore di celebrarlo nei suoi "primi" cinquant'anni di carriera artistica ed addirittura nella sua magica culla acerrana; la medesima della storica maschera di Pulcinella e del compianto mister Tormentone, il mio Maestro di Meridionalismo, Angelo Manna! Nelle precedenti importanti mostre di Gaglione da me curate ("Sirene, ninfe, miti delle Due Sicilie" dedicata ad Angelo Manna, tenutasi in Ragusa e la prestigiosa "I Preziosi delle Due Sicilie" presso il Parlamento Europeo in Bruxelles) ho avuto l'occasione di trattare abbondantemente della sua Pittura e del suo Meridionalismo propositivo, del suo essere inconsapevolmente quindi arcanamente depositario di umori, voci, colori, sapori, suoni della Natura e dell'Antica Storia del Sud, del mistero delle luci ed ombre del suo animo che irradiano la sua aura delle essenze vitali di altre mille anime, di volti e di spiriti elementali autoctoni, imprimendo tutta la FORZA PASSIONALE ED APPASSIONATA della genìa sùdica a quella sapiente mano che istintivamente, come in atto liberatorio, muove ogni volta il pennello sulla trama di una nuda tela che si anima d'incanto di memorie tangibili, irresistibili, capaci di rapire - per sottile malìa di suggestioni - anime inconsapevoli altrui e fiondarle in salutari voli introspettivi sull'onda della memoria ancestrale di ognuno!

Del resto, siamo tutti fatti della stessa Luce ma ne siamo raggi diversi.

Auguri, caro maestro Gaglione e GRAZIE ai tuoi amici acerrani, gli unici ad essersi ricordati di te!. è sempre così estenuante e spinoso il ruolo di Profeta in Patria, al Sud; se fossi nato soltanto un po' più al nord del sud, dopo instancabili cinquant'anni di sofferta, appassionata, sudata affermazione, ti saresti guadagnato già un cavalierato, un "Ambrogino d'Oro", la Sala di uno dei tanti Palazzi Reali disseminati sull'Italico suolo. magari uno scrannetto in un Consiglio Comunale, un'iscrizione d'onore al Club degli Intellettuali Italioti. Ma se tu fossi nato un po' più a nord del sud non saresti Cuono Gaglione! 

(Marina Salvadore)



"Civiltà Mediterranea"
 


L’artista Cuono Gaglione è nato ad Acerra nel 1947 ma attualmente vive a Ragusa. Si dedica alla pittura dal 1959, ha studiato all’istituto d’arte di Napoli frequentando anche il Magistero di pittura dal 1965 al ’71. I suoi maestri guida del colore sono stati Striccoli, Chiancone, Verdecchia, Toma , de Siena e Cajati. Durante la sua permanenza in Germania nel ’71, fa parte del gruppo dei neo espressionisti ad Heidelberg. Il suo ritorno in Italia sarà costellato da grandi successi e le sue partecipazioni alle più qualificate rassegne Nazionali ed estere, meritando affermazioni , riconoscimenti e premi, ne sono una conferma.Fra i primi premi ricordiamo quello del Presidente della Repubblica, della Camera dei deputati, l’oscar della pittura in Germania, il premio Dante a Firenze, il Nettuno d’oro a Bologna, La Biennale P. Ricasso a Napoli. Fra i premi siciliani anche il premio Quasimodo a Modica, Valle dei Templi ad Agrigento, Mostra d’arte Sacra a Caltagirone, l’Estemporanea di Donnalucata e molti altri ancora dentro e fuori dall’isola e dai confini Nazionali. Le sue opere figurano in molte collezioni pubbliche e private in città prestigiose quali New York, Dublino, Parigi, Roma, Napoli, Venezia , Norimberga, Brooklyn e decine di grandi e piccoli comuni sparsi in tutta Italia.
 

 




PDF