Giovedì, 17 Ottobre, 2019
Ulti Clocks content

La chat

Nessun utente online

Galleria Fotografica

 

 
You are here : Home Articoli

"I Grandi Ideali Rendono Liberi. - Mario Bovenzi -"

 

RIGORE, REGOLE, RISPETTO.
Scritto da IL MERIDIONALISTA, 26-03-2010 18:20
Valuazione editore
Valuazione utenti    (0 voto)

RIGORE, REGOLE, RISPETTO.





CARISSIMI, QUESTO SCRITTO NON E'  UN ARTICOLO MA UNA AFFETTUOSA FRATERNA CHIACCHIERATA PRE-ELETTORALE, TRA NOI.   (  Vi Abbraccio ! ! !  )


  RIGORE, REGOLE, RISPETTO.

Oggi tutto è un pantano, non si riuscirà a venirne fuori se il sistema di rappresentazione non ritorna verso la vera e totale rappresentanza del “popolo vero”.
   
In sostanza, c’è tanto astio politico e poca costruttività perché si è abbandonata la forza delle idee, l‘ideale di Partito, il Partito stesso come punto d‘unione tra il cittadino ed il programma progettuale e ideale che lo rappresenta nell‘istituzione.
  
Si è voluto ammalare il Paese di protagonismo e personalismo. Un uomo, buon tessitore di clientele o con grosso potere economico, oggi diventa parlamentare o capo di “partito“ con la “p“ piccola piccola, diventa il capò: si fa chiamare, poi, leader di un ideale politico, ma è solo un capò riferimento di lobbies, multinazionali, interessi personali e clientele.


E non li si riesce a togliere da lì, perché mettono sbarramenti, obblighi e limitazioni per altri movimenti e partiti, c.d. minori, ma "veri", "vivi", eccezionali portatori di nuove fondamentali istanze, di ideali e bisogni popolari che guardano al futuro del Paese partendo dal basso, scevri da clientele, non ossessionati dalla ricerca di scorciatoie offerte dal potere politico illusorio.
 
 
 
Il colpevole non è il padrone cattivo, è il servo sciocco.
 
L’ “oligarchia dittatoriale”, di cui il primo incosciente propulsore è stato Walter Veltroni, alle scorse elezioni politiche, poi sfruttata “intelligentemente” e prontamente dall’altra compagine politica, è la prima causa di questo mal-clima politico sociale del Paese.
 
Quando si dà troppo potere ad una sola parte e si legano le mani (per 5 anni) all‘altra, è normale che prima o poi la cosa perda di controllo da parte di chi ha il potere, mentre chi ha le mani legate non può fare niente. Col progetto di bipartitismo veltroniano, subito accolto da Berlusconi, i due fanno leggi ognuno per meglio legare le mani all’opposizione e così comandare senza opposizione alcuna nei fatti. Pensa un po’… sto Veltroni, quanto è buono, democratico e amante della gente: sbarramenti a tutti i movimenti e solo il suo partito doveva parlare a nome del popolo; naturalmente chi non si riconosce con l’uno o con l’altro sta zitto e a casa a lavorare. Meno male che il popolo l’ha sgamato e mandato a casa. Non ci siamo persi niente. Sarebbe stata la stessa arroganza di potere attuale se non peggio, con il falso mite, falso pacifico e veramente falso democratico Veltroni: un assetato di potere e comando quanto gli altri.
 
Chi vince mangia e comanda senza disturbi per 5 anni della nostra vita. Poi magari cambiano i governi e quasi tutti quelli che stavano in maggioranza si trovano ad usufruire dello stesso stipendio ma all’opposizione, perdono solo un po’ di posti politici clientelari per i loro accoliti, mentre i trombati dal popolo sono riciclati nei vari Enti, Commissioni, consulenze o al limite si crogiolano dentro una bella e sostanziosa pensione d‘oro. Intanto, ridendo e scherzando, 5+5 e passano dieci anni della nostra vita e nessuno ha fatto ancora niente. Se aggiungiamo la seconda possibilità che si dà ad un governo, gli anni che passano nella vita dei cittadini arrivano a quindici, venti, e nessuno ha fatto ancora niente per gli italiani, per noi ed i nostri figli. Ma non affliggetevi, le cose potrebbero continuare così per tutta la vostra vita, se resterete sempre buoni e proni.
Ma un partito-movimento minore, seppur del 2%, è espressione di una parte del popolo italiano, dei nostri fratelli italiani che la pensano un po’ diversa da noi su qualcosa; come noi pensiamo un po’ diverso da altri su qualcosa. Non è, pertanto, assolutamente giusto imbavagliare, limitare, non dare voce a me o a voi. L’elettore deve premiare l’ideale ed il progetto, non l’uomo di soldi col potere.
 
 
La parola ai cittadini può esserci solo attraverso la presenza proporzionale di più partiti, col massimo del 2% di sbarramento per l’accesso al Parlamento. Ciò non vuol dire più spese o più parlamentari, anzi: le due cose possono essere tranquillamente “dimezzate” , ma la presenza di chi rappresenta una fetta di popolo italiano, seppur piccola, è fondamentale per portare il progresso-sviluppo del nostro Paese, rendendolo florido, socialmente sereno e vivibile in base alle esigenze di tutti. Avrete capito che per me non è importante, anzi sono assolutamente contrario alla riduzione dei parlamentari o regionali, ma mi batto affinché i loro stipendi, le loro pensioni e mille altri dei loro assurdi privilegi vengano assolutamente “DIMEZZATI” .
 
La governabilità, in un sistema politico plurale - il solo effettivo e fedele rappresentante delle istanze di un Paese e del suo popolo - è che ogni Partito-Movimento accettato nella coalizione di governo, viene accettato per un punto di programma che insieme al governo si prefigge di raggiungere e per il quale gli elettori lo avrebbero sostenuto. Il partito o movimento non potrebbe influire, con voto contrario, per far cadere il Governo se non unicamente nel caso in cui il programma o il particolare impegno per il quale il Partito-Movimento si trova in Parlamento e per il quale il cittadino - anche un minimo del 2% su base nazionale - lo ha votato, abbia ricevuto evidenti segni di non applicazione del suo specifico punto da parte del Governo.
 
 
Il Governo infatti accetta l’impegno, accettando l’istanza di quel partito, nello stesso momento in cui si è sottoscritta l’entrata in coalizione, prima delle elezioni stesse. Insomma il senso è quello: 1) il popolo rappresentato quanto più possibile, anche col 2% su base nazionale; 2) stipendi, pensioni, consulenze e privilegi “dimezzati” (…a’ mmetà di oggi!), e naturalmente nessuna cumulabilità con altri redditi; 3) regole giuste per non far cadere il Governo di maggioranza.
 
Hei, ma non finisce qua: stesso sistema e riduzioni alle Regioni.
 
Vabbè, questo è solo un assaggio. Ritornerò sull’argomento, anche se penso che i miei intelligenti lettori ed elettori abbiano già capito il sistema che vorrei. Poi le regole ed i meccanismi onesti e giusti per rivoluzionare anche il sistema politico, rendendolo più fattivo, legale e più onesto, a tutela della pluralità di rappresentanza e della sovranità del popolo tutto ed a giusta tutela delle minoranze, si trova insieme. Giusto? E naturalmente chi non mantiene le promesse o non si batte per quanto di specifico abbia proposto, ebbene: a casa subito e sarebbe opportuno legiferare da “non potersi presentare per i 5 anni successivi” se non si è mantenuto l’impegno dato ai propri elettori. Vedete, questa cosa è molto carina, perché è verificabile tecnicamente subito: ha fatto ciò, non ha fatto ciò?!
 
Quindi provvedimento applicato automaticamente, così evitiamo i processi in cui si deve aspettare la terza Assise per sapere se è colpevole o meno di truffa, di mafia, camorra, ndrangheta, ecc. . Intanto vediamo cosa ha dato al Paese e se ha mantenuto gli impegni, sennò a casa, a priori, per inattività o incapacità politica. Naturalmente a questi niente pensioncina d’oro.
 
Il programma di una coalizione deve avere i termini temporali dichiarati per le attuazioni degli impegni primari; i tempi di attuazione dei passaggi primari vanno mantenuti, altrimenti a casa.
 
Naturalmente senza la loro pensione d’oro.
 
Che ce li teniamo a fare se non lavorano? A noi sulle catene di montaggio ci danno tempi precisi per effettuare un numero di produzione altrettanto precisa, altrimenti si rischia il licenziamento. Allora, qual è la differenza, il principio deve risultare lo stesso.
 
Tanto più che loro con 35MESI di contributi già possono usufruire di pensione d’oro; noi dopo 35ANNI di contributi non sappiamo se possiamo iniziare ad usufruire di una pensione da fame.

E allora?  RIGORE, REGOLE, RISPETTO!

INSOMMA, SPERIAMO CHE QUESTE ELEZIONI REGIONALI E PROVINCIALI SIANO STRAVOLGENTI E PROVOCHINO IL CAMBIAMENTO CHE SERVE AL FUTURO DEL PAESE.
 
 
_______________________
 

 
TROVO, INFINE, MOLTO INTERESSANTE PUBBLICARE QUANTO SEGUE:
 

Del Carissimo Amico DOMENICO BRUNI,
COORDINATORE - P.L.U.B. -
 
- PARTITO LOTTA USURA BANCARIA -


IL POTERE POLITICO COSTRUITO SUL CONSENSO CLIENTELARE E' UN POTERE MAFIOSO!

IO NON VOTO …NON POSSO VOTARE questo schifo

IO NON VOTO ..PERCHE' coloro i quali speculano nella disgrazia degli altri non mi rappresentino

IO NON VOTO….PERCHE’

1) Votare è legittimare il sistema
2) E’ l’unica occasione per contestare NUMERICAMENTE il sistema
3) Voglio far parte di una maggioranza,PARTITO DELL’ASTENSIONE
4) È una “organizzata” minoranza a gestire una maggioranza,l’opposto della democrazia. Siamo in una OLIGARCHIA, se volete siamo in una DITTATURA.
5) Sono contro questa “minoranza organizzata” che gestisce il potere
6) NON TROVO, NEI PROGRAMMI, QUALCUNO CHE MI RAPPRESENTI
7) Non credo in un potere politico costruito sul sistema clientelare. In buona sostanza siamo in un sistema mafioso.
8) Voglio una democrazia realmente partecipata.
9) Basta tromboni ,nepotismo e Nuova Monarchia. SI ALLA VERA DEMOCRAZIA
10) Voglio un’informazione MEDIATICA VERA e la rete LIBERA
11) VOGLIO UNA TELEVISIONE PUBBLICA,DI QUALITA’ E SENZA PUBBLICITA’
12) PERCHE’ LO STATO NON DEVE VENDERE e PROPINARE PACCHI E GRATTA E VINCI
13) VOGLIO FINANZIAMENTI PRIORITARI PER LA SCUOLA E LA CULTURA
14) PERCHE’ VOGLIO INVESTIMENTI CHE TUTELINO E VALORIZZINO IL PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE
15) PERCHE’ NON VOGLIO CHE GOVERNI L’IGNORANZA
16) VOGLIO DIRE BASTA AL MONDO DI SPRECHI,FESTINI E BACCANALI
17) VOGLIO UNA GIUSTIZIA VERAMENTE UGUALE PER TUTTI
18) VOGLIO che il TERRITORIO SIA CONSIDERATO UNA RISORSA
19) PERCHE’ AMO LA NATURA E DICO NO A NAVI DEI VELENI,DIOSSINA E INQUINAMENTI
20) PERCHE’ SONO PER UNA POLITICA DELLA SOLIDARIETA’ E NON DELLA SUSSIDARIETA’
21) PERCHE’ VOGLIO L’ITALIA “UNA” REALIZZATA ATTRAVERSO L’APPLICAZIONE DI UN MINOR COSTO DEL DENARO AL SUD E NON ATTRAVERSO CAPANNONI E CATTEDRALI NEL DESERTO CHE SERVONO SOLO AD ARRICCHIRE I SOLITI NOTI E SPRECARE RISORSE
22) PERCHE’ VOGLIO LA RIDUZIONE DELLE TASSE ANCHE NEL NUMERO
23) PERCHE’ NON VOGLIO PAGARE IL BOLLO AUTO E IL CANONE RAI
24) PERCHE’ I TRIBUTI VANNO PAGATI SENZA SANZIONI E CON LA SOLA AGGIUNTA DI INTERESE SEMPLICE PER EVITARE DI AVVANTAGGIARE SOLO CHI PUO’ PAGARE:I SOLITI RICCHI
25) PERCHE’ non voglio L'AUTOVELOX ...se finalizzato a fregare i soldi dei cittadini
26) PERCHE’ SONO CITTADINO DEL MONDO E PER UN MONDO LIBERO E SENZA CONFINI
27) PERCHE’ sono per LA VITA e per un progetto CHE ESALTI LA CENTRALITA’ DELL’UOMO;
28) PERCHE’ SONO PER UNO STATO LAICO E TOLLERANTE
29) PERCHE ’ NESSUN PARTITO CONTESTA nel suo programma L’USURA BANCARIA:IL MALE DEI MALI;UN CRIMINE CONTRO L’UMANITA’ ;vera responsabile di CRISI,DISOCCUPAZIONE,PRECARIETA’,SOFFERENZA E MORTE.
30) PERCHE’ nessuno eletto deve poter dire di RAPPRESENTARMI..

Anche Ghandi ha VINTO senza partecipare a Campagne di violenze o guerre.

“Se per difendere le nazioni ci vogliono gli eserciti,per difendere le idee basta un solo uomo”.
(Davila)

Nelle elezioni regionali d’Abruzzo del dicembre 2008 ,si presentava ALLE URNE SOLO IL 52,98% DEGLI AVENTI DIRITTO. FORZA!!! …….DIVENTIAMO LA VERA MAGGIORANZA !!!
(DOMENICO BRUNI,
COORDINATORE - P.L.U.B. - - PARTITO LOTTA USURA BANCARIA -







 

PDF