Lunedì, 20 Maggio, 2019
Ulti Clocks content

La chat

Nessun utente online

Galleria Fotografica

 

 
You are here : Home Statuto

"I Grandi Ideali Rendono Liberi. - Mario Bovenzi -"

 

Statuto - Pagina 4 PDF Stampa E-mail

 

ART. 10)                                                                                                                                                                                                                                                           GABINETTO POLITICO                                                                                                                                                                                                      

 Il Gabinetto Politico è composto oltre che dal Segretario Generale, dal Presidente Nazionale, dai Vicesegretari nazionali, dai Capigruppo parlamentari, dai membri del Governo iscritti al partito, dal Coordinatore Nazionale dei Dipartimenti tematici ed organizzativi, dal Dirigente nazionale enti locali, dall’Amministratore nazionale, dal responsabile UGM, dalla responsabile UDM. Il Gabinetto Politico può essere integrato da persone indicate ed invitate dal Segretario Politico di intesa con la Consulta.  Il Gabinetto Politico coadiuva il Segretario Generale Nazionale ed è consultato sulle questioni politiche ed organizzative di particolare rilievo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                        
ART. 11)                                                                                                                                                                                                                                                              L’AMMINISTRATORE NAZIONALE                                                                                                                                                                                

L’ Amministratore Nazionale ha la rappresentanza legale del  Partito ai sensi dell'art. 36 c.c. e seguenti e nomina difensori e procuratori ed è responsabile della gestione e delle attività patrimoniali, finanziarie, amministrative ordinarie e straordinarie del Partito. L’Amministratore Nazionale può, nel rispetto dello statuto, dei regolamenti e delle leggi vigenti, compiere qualsiasi attività di ordinaria e straordinaria amministrazione:
- gestire conti correnti e depositi bancari e postali;

   - sottoscrivere contratti e mandati di pagamento;
- assumere, gestire e licenziare personale;
- stipulare e gestire contratti di collaborazione;                                                                                                                                      

 - richiede i rimborsi elettorali alle autorità competenti ed inoltra ogni domanda e consegna ogni documentazione con riferimento ad eventuali contributi per le spese elettorali e ne incamera gli introiti per conto del Partito;
- cura la contabilità generale del Partito, tiene i libri contabili, stende i bilanci e provvede agli adempimenti di legge in materia di bilancio e amministrazione;  - ove ritenga la spesa non coperta o comunque incompatibile con le previsioni del bilancio può bloccare ogni decisione di spesa che non risponda a detti requisiti e chiedere il riesame della spesa stessa.   L’Amministratore Nazionale fa parte del Gabinetto Politico
. Gestisce i fondi destinati alle campagne elettorali e predispone i rendiconti richiesti dalla legge. L’Amministratore Nazionale predispone le procedure per la redazione dei conti, per la raccolta dei fondi e per tutto ciò che ritenga opportuno per la corretta amministrazione del Partito. Predispone il piano generale di distribuzione delle risorse secondo i criteri determinati dal Gabinetto Politico. Sovrintende all’attività di riscossione delle entrate e di erogazione delle spese di gestione del patrimonio. Dura in carica tre anni e comunque cessa dall’incarico con la nomina del successore. Può essere rieletto.

 

Art. 12)         

COLLEGIO NAZIONALE DEI REVISORI DEI CONTI                                                                                   

   Il Collegio dei Revisori è composto da n 3 membri effettivi e 2 membri supplenti eletti dal Consiglio Generale. Ad essi è affidato il compito di controllo stabilito dalle leggi in materia di bilancio dei Partiti. Durano in carica lo stesso tempo dell’Amministratore Nazionale e cessano dalla carica insieme a questo. Sono rieleggibili. La carica di membro del Collegio dei Revisori dei Conti, è incompatibile con qualunque altra carica interna al Movimento al medesimo livello, sia direttiva sia amministrativa, che di controllo; è altresì incompatibile con le cariche, sia direttive sia amministrative, ricoperte dal coniuge e/o parenti, sino al terzo grado.