Giovedì, 18 Luglio, 2019
Ulti Clocks content

La chat

Nessun utente online

Galleria Fotografica

 

 
You are here : Home Statuto

"I Grandi Ideali Rendono Liberi. - Mario Bovenzi -"

 

Statuto - Pagina 9 PDF Stampa E-mail

 

ART.21)

DECADENZA DEGLI ASSOCIATI – SANZIONI – INTERRUZIONE DELLA MILITANZA

Lo status di Socio si perde per:

- DECESSO.

- DIMISSIONI: esse vanno presentate dal Socio per iscritto ed inviate a mezzo raccomandata alla sede regionale e/o nazionale del partito. Il recesso ha effetto immediato.

- ALLONTANAMENTO: a causa di indegnità dovuta al venir meno dei requisiti morali, ideali o di ripetuti comportamenti gravemente lesivi della dignità di un altro socio o di gravi ragioni che ostacolino o pregiudichino l’attività del Partito. Per  qualsiasi comportamento che, con atteggiamenti omissivi, dichiarazioni, atti o fatti danneggi l’azione politica del Partito, ovvero cerchi di compromettere l’immagine politica, l’unità o il patrimonio ideale dello stesso

- DECADENZA: decorso il termine del 28 Febbraio il Militante Meridionalista non in regola con il versamento della quota di adesione decade automaticamente ed immediatamente, interrompendo inoltre la continuità della militanza. Egli  non può partecipare alla vita attiva  del  Partito a nessun titolo,  decadendo inoltre  anche  dalle  qualifiche e   dalle  cariche  interne  eventualmente ricoperte.

- SOSPENSIONE: la sospensione dei diritti riconosciuti al Socio può essere irrogata ogni qual volta si ravvisano fatti o comportamenti contrastanti con le finalità del partito. Essa non può avere durata inferiore a sessanta giorni e superiore ai dieci mesi. Interrompe il requisito di continuità della militanza. Ad essa può seguire l’allontanamento.

- CENSURA:  comporta automaticamente la sospensione per un minimo di sessanta giorni a cui può seguire un ulteriore periodo di sospensione fino ad un massimo di dieci mesi, nonché l’allontanamento.

Per la durata di qualsiasi procedimento disciplinare, se non diversamente specificato, è interdetta la partecipazione del Socio a qualsiasi attività del Partito ed a qualsiasi carica interna eventualmente ricoperta.

I provvedimenti sanzionatori sono applicabili anche a coloro che ricoprono cariche di diritto.

I Soci eletti a cariche politiche europee o nazionali e di qualsiasi altro livello politico che aderiscono a gruppi diversi da quelli indicati dal Partito, sono dichiarati decaduti, dall’Organo competente, appena acquisita l’informazione ufficiale.

Fino al termine della fase costituente, i compiti e le competenze relative alle sanzioni disciplinari sono attribuiti all’Organo immediatamente superiore e territorialmente competente, Segretario Provinciale, Segretario Regionale,  Consiglio Generale, Direzione Nazionale, Segretario Generale Nazionale. L’eventuale riammissione deve essere deliberata dall’Organo immediatamente superiore a quello che ha deliberato tale provvedimento. 

La Consulta o Organo Nazionale deputato  può deliberare autonomamente per fatti di cui viene direttamente a conoscenza. È  ammesso il ricorso al Collegio Nazionale di Garanzia, nel rispetto delle norme statutarie e dei Regolamenti, che deciderà entro 180 giorni.                                                        

L’eventuale cessazione del rapporto associativo, per qualsiasi causa avvenga, non comporta liquidazione di nessun tipo a favore dell’ex Socio o dei suoi eredi.